La didattica a distanza continua a farci compagnia in questo inizio di primavera. Come possiamo rendere più efficaci le nostre lezioni in DAD? Quali strumenti digitali per la didattica a distanza possiamo scegliere?

Fare lezione a distanza: consigli e suggerimenti

La situazione che stiamo vivendo non facilita certo il lavoro agli insegnanti di tutte le materie.

Trovarsi a dover “convertire” in digitale tutte le proprie attività nel giro di pochi giorni è un lavoro stressante e faticoso per non parlare del fatto che non avere più un contatto reale con i propri studenti risulta frustrante.

Come abbiamo più volte ribadito sul blog, la progettazione di attività a distanza in digitale per tutte le materie, infatti, richiede riflessioni diverse rispetto a quelle tradizionali.

Il processo di apprendimento a distanza segue un iter differente pertanto i tempi di fruizione devono essere diversi così come le modalità di erogazione.

Ne consegue che l’attività didattica in presenza non può semplicemente essere trasportata su piattaforma digitale ma deve essere ripensata e rivista. Il continuo switch tra didattica in presenza e a distanza, quindi, non aiuta affatto gli insegnanti di tutti le materie ma al contrario complica molto le cose.

Per questo, la domanda che ogni insegnante dalla scuola primaria alla secondaria di II grado si sta ponendo da circa un anno a questa parte, è proprio questa:

La nostra azione educativa riuscirà a essere efficace anche a distanza?

Come possiamo superare gli ostacoli educativi della didattica a distanza? Come facciamo a essere sicuri che le nostre lezioni/attività abbiano la giusta importanza e il giusto peso nel background formativo dei nostri ragazzi?

Non è facile rispondere a questa domanda. Negli ultimi anni abbiamo pensato e studiato molto circa le modalità di impiego del digitale nei processi educativi e ora possiamo mettervi a disposizione le nostre riflessioni.

Come progettare azioni educative a distanza veramente efficaci, per la scuola e il museo

Chiunque abbia un minimo di esperienza con la DAD o con l’erogazione di attività a distanza potrà confermarlo: la possibilità di portare avanti un’azione educativa poco efficace è molto alta.

Sbadigli, improvvise (e misteriose) disconnessioni, feedback non pervenuti e partecipazione ridotta allo zero: sono tutti effetti collaterali di una didattica a distanza impostata nel modo sbagliato.

Riprogettare l’erogazione di contenuti a distanza richiede una certa flessibilità ma soprattutto l’adozione di tecniche e strategie specifiche. 

progettare in digitale

Grazie al confronto con i colleghi, allo studio e all’esperienza diretta abbiamo elaborato una serie di riflessioni che permettono di ottenere risultati migliori in termini di coinvolgimento degli studenti e di efficacia educativa. 

Elaborare i feedback e valutare la risposta di chi riceve l’azione educativa è della massima importanza in presenza e diventa ancora più preziosa in digitale: è proprio grazie a questa cura costante nel monitorare la nostra azione educativa che abbiamo potuto notare cosa andava e cosa, invece, aveva bisogno di essere ripensato.

bambini e didattica digitale

Strumenti digitali per la didattica a distanza per la scuola e il museo

Quindi: da dove cominciare?

Gli elementi da prendere in considerazione per la progettazione in digitale sono tanti, come dicevamo poco sopra, e tra questi la scelta degli strumenti digitali occupa un peso rilevante.

Esistono centinaia e centinaia di app, software e tool per la didattica e l’educazione a distanza. Alcuni sono in italiano altri disponibili solo in lingue straniere; alcuni sono poco adeguati a far fronte a bisogni educativi speciali, altri sono perfetti solo per alcune fasce d’età e sconsigliati per altre. In alcuni casi si tratta di strumenti a pagamento o soggetti a condizioni d’uso particolari.

È molto complesso districarsi in questa giungla in continuo mutamento, eppure saper scegliere lo strumento adatto per la propria classe e per le esigenze specifiche di apprendimento dei nostri alunni è fondamentale.

Scegliere lo strumento giusto significa avere al proprio fianco un alleato formidabile per accorciare le distanze con il pubblico

Strumenti digitali per la didattica a distanza – webinar

WEBINAR DOCENTI STRUMENTI DIGITALI DAD

Abbiamo risposto a tutte queste domande durante il nostro webinar STRUMENTI PER LA DIDATTICA A DISTANZA

Ecco gli argomenti di cui abbiamo parlato:

  • Come progettare lezioni ed azioni educative a distanza efficaci
  • Esempi di progettazione a distanza da replicare immediatamente
  • Strumenti digitali: quali scegliere e perché?
  • Esempi di utilizzo di 3 strumenti digitali per tutti gli ordini e i gradi scolastici per tutte le materie

Se non hai potuto seguire la diretta ma vuoi vedere il webinar è disponibile la versione video da scaricare ne vedere quando vuoi!

SCARICA QUI IL WEBINAR – solo 19,99 invece che 24,99
Comments to: Strumenti digitali per la didattica a distanza – webinar

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Ultimi articoli

    Cosa intendiamo comunemente per accessibilità museale? Quando un museo è veramente accessibile? Siamo soliti pensare all’accessibilità museale come superamento delle barriere architettoniche che permettono l’accesso fisico e senza ostacoli al museo. Certamente per accessibilità intendiamo un accesso e una visita agevole negli ambienti museali ( ascensori al posto di ostiche gradinate, vetrine alla giusta altezza, […]

    Ultimi commenti

    Tag Cloud