Continua il percorso attraverso la bellezza nell’arte. Abbiamo osservato come, nel tempo, il corpo e il gusto estetico si sia modificato in base ai vari periodi storici, proseguiamo con il Novecento, secolo di Avanguardie e sperimentazioni…

Il corpo brutto

P. Picasso, Les Demoiselles d'Avignon, 1907
P. Picasso, Les Demoiselles d’Avignon, 1907

L’inizio del Novecento vede uno stravolgimento della concezione di bellezza nell’arte.

A partire dal Cubismo e dagli studi di Picasso (caso esemplare Les Demoiselles d’Avignon) i corpi e i volti raffigurati non esprimono più quella grazia e quell’eleganza tanto ricercate in passato. Le Demoiselles di Picasso risentono della scultura etnica, così come le tahitiane dipinte da Gauguin, entrambi stereotipi di donne particolari, lontane dalla moda di Parigi e sicuramente non comuni per un europeo di inizio secolo.

E. Heckel, Bambina in piedi, 1910

Le cosiddette Avanguardie iniziano a sperimentare il corpo come simbolo di stati interiori, non più raffinatezza ma tratti che rimandano al primitivo, ad una sfera non pienamente codificata in cui l’uomo è vicino alla sua natura più istintiva.

Ecco che appaiono sulle tele bambine magrissime e nudi in posizioni innaturali eppure estremamente comunicativi.

L’arte fino alla metà del ‘900 inizia il percorso verso una bellezza fuori dal canone estetico, una bellezza che fa del brutto la propria cifra stilistica.

Il corpo sperimentato

Yves Klein, Ritratto in rilievo di Claude Pascal, Arman et Martial Raysse, 1962
Yves Klein, Ritratto in rilievo di Claude Pascal, Arman et Martial Raysse, 1962

Arriviamo infine al periodo successivo alle Guerre Mondiali. Tra gli anni Sessanta e Settanta il corpo diventa argomento centrale della società, della comunicazione e dell’arte. Sono gli anni della cultura hippie, della liberazione sessuale e del movimento femminista, e poi quelli delle contestazioni studentesche e delle lotte operaie; anni di grandi cambiamenti sociali e culturali.

L’arte si apre a nuovi linguaggi, dagli happening di Fluxus alla Body Art, alle performance, azioni artistiche in cui il corpo, al pari di una tela bianca, diventa fulcro centrale della ricerca artistica. Da questo momento in poi l’arte contemporanea si servirà del corpo,

esibendolo, maltrattandolo, a volte usandolo per generare disgusto, lontanissimo dalla grazia e dalla perfezione, dal canone estetico tanto ricercato in passato.

Y. Klein nel suo studio
Y. Klein nel suo studio

Il corpo oggi

V. Beecroft, Madonna con due gemelli, 2006
V. Beecroft, Madonna con due gemelli, 2006

Abbiamo osservato una sorta di evoluzione del linguaggio e dell’importanza che l’arte ha dato al corpo nei secoli.

Nel contemporaneo (intendo quello più recente), il corpo ha ancora notevole spazio in ambito non solo artistico ma anche sociale. Siamo le generazioni della televisione, dell’era di Internet, della moda e della comunicazione e l’arte, inevitabilmente, registra e sintetizza tutto questo.

Molti artisti lavorano proprio sull’espressione corporea, molto spesso attraverso performances, come ad esempio Marina Abramovic (attiva già dagli anni ’60), ma anche Vanessa Beecroft che con i suoi lavori spesso realizza dei tableau vivant; la sua riflessione pone al centro lo sguardo, la moda, il desiderio.

Questi sono solo pochi esempi per dimostrare come l’arte possa trattare in maniera sempre diversa una stessa tematica.

Nell’arte contemporanea non ci sono più vere e proprie correnti, si parla per lo più di tendenze. Anche i new media hanno influenzato moltissimo l’arte, creando così nuove modalità e nuovi temi; c’è stata, in sostanza, una grande contaminazione per cui oggi tutto, o quasi, potrebbe essere un prodotto artistico in potenza. Tornando al tema del corpo e della bellezza, se da un lato l’arte ci propone corpi esasperati, maltrattati, distrutti; dall’altro esiste tutto un filone di nuovi artisti che devono molto alla storia della moda.  Il corpo quindi, torna ad essere quell’elemento di grazia e suprema bellezza da esaltare.

Comments to: La Bellezza nell’arte e il canone estetico – Parte II

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Ultimi articoli

    Un risorsa digitale in PDF con tanti approfondimenti per affrontare in modalità multidisciplinare uno dei temi più belli di sempre: l’amore! Percorsi digitali interdisciplinari: schede didattiche sull’amore in PDF L’amore tra arte, musica, inglese e letteratura italiana per i Percorsi digitali interdisciplinari Zebrart è progettato per offrire un percorso didattico trasversale che abbraccia diverse materie […]

    Ultimi commenti

    Tag Cloud