La texture è uno degli elementi dell’arte e rappresenta il trattamento che viene realizzato su una superficie, naturale o artificiale, allo scopo di renderla tridimensionale o di trasmettere un senso di ruvidità.Non è così difficile come sembra… Gli esempi di texture nell’arte sono moltissimi; vediamone qualcuno insieme e impariamo come usarla per i nostri lavori!

La Texture: superficie nell’arte e nella natura.

Il tronco di una palma. Un esempio di texture naturale.
Il tronco di una palma. Un esempio di texture naturale.

Le superfici e le textures fanno parte della programmazione scolastica di Arte e Immagine per la scuola media e non sempre si rivelano argomenti semplici da trattare. Che siate studenti, insegnanti o semplicemente appassionati, proviamo a scoprirne insieme i diversi tipi e osserviamo qualche esempio!

Texture è la parola che si utilizza per identificare la trama o più letteralmente la “tessitura” di un’immagine.

Sassolini da acquario. Esempio di texture
Sassolini da acquario. Esempio di texture.

La natura, come sempre, offre moltissimi esempi da cui trarre ispirazione, basti pensare al tronco ruvido e “rugoso” di un albero, ad una distesa di sassolini colorati o, perché no, alle strisce di una zebra! Tutte immagini che, in parole semplici, presentano delle superfici particolari: in alcuni casi regolari, in altri meno (i sassolini di diverse dimensioni, ad esempio).

Ma attenzione! Si può parlare di texture solamente quando siamo di fronte ad un’immagine, ad esempio una ripresa molto ravvicinata, che ci permette di riconoscere una “grana”, un rilievo.

Texture nell’arte e in architettura

Le texture nell’arte e nell’architettura hanno avuto, ed hanno tuttora, un ruolo molto importante.

Un esempio di piastrella decorata. Queste piastrelle, in alcuni paesi, vengono utilizzate per decorare interi edifici creando bellissime textures. Photo credit: Instoria.it
Un esempio di piastrella decorata. Queste piastrelle, in alcuni paesi, vengono utilizzate per decorare interi edifici creando bellissime textures. Photo credit: Instoria.it

Molti edifici presentano facciate realizzate con trame che hanno reso tipico uno stile architettonico. Ad esempio, le piastrelle decorate con motivi geometrici presenti negli edifici costruiti nello stile islamico, ma anche i diversi tipi di opere murarie di età romana come l’opus quadratum o l’opus reticulatum, o ancora, i grattacieli dalle pareti ricoperte da lastre specchiate.

Anche il mondo dell’arte si è interessato all’utilizzo delle textures, tanto che alcuni artisti hanno dedicato buona parte della loro ricerca espressiva proprio in funzione della superficie e della materia del quadro.

La seconda metà del Novecento ha visto il periodo di massima espressione delle texture nell’arte. In un sottile confine tra pittura e scultura, gli artisti cercavano di ricreare, visivamente, sensazioni tattili e di tridimensionalità.

Alberto Burri fu uno di questi. I suoi lavori esprimono perfettamente il concetto di texture. Frammenti di plastica bruciata o cellophane e superfici che ricordano i terreni aridi del deserto (ma che sono realizzati con materiali artificiali) sono solamente due esempi, tra i tanti possibili, della ricerca compiuta dall’artista.

Alberto Burri, Rosso Plastica, 1963 Photo credit: Emaze.com
Alberto Burri, Rosso Plastica, 1963
Photo credit: Emaze.com

In America invece, i dipinti di Jackson Pollock e il suo dripping, ricreavano trame totalmente differenti ma altrettanto

Jackson Pollock, Autumn Rythm n.30, 1950
Jackson Pollock, Autumn Rythm n.30, 1950

interessanti. Quasi ipnotiche, le trame di Pollock riflettono lo stato d’animo in cui sono state dipinte dall’artista che, come uno sciamano, danzava intorno alle grandi tele schizzando e rovesciando il colore con gesti ampi e dettati dal momento. Esplosioni di colori, tratti, linee che ricordano le sfumature dei marmi e dei graniti.

Proviamo a creare delle textures con il frottage!

Monete realizzate con il frottage.
Monete realizzate con il frottage.

Dopo aver compreso cos’è una texture, possiamo provare a crearne qualcuna! La tecnica più semplice, e facilmente realizzabile, è il frottage.

Basterà porre una foglia o una moneta sotto un foglio da disegno e strofinare la matita sulla superficie: appariranno, come per magia, le trame degli elementi scelti.

Si può creare una composizione replicando più volte l’operazione o utilizzando colori diversi. Come al solito, l’unico requisito indispensabile è la fantasia!

Comments to: Elementi dell’arte. La Texture

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Ultimi articoli

    Ultimi commenti

    Tag Cloud