Sempre più frequentemente i musei di arte contemporanea ospitano lavori di street art. La street art al museo è entrata solo recentemente, dopo decenni di “strada” (perdonatemi il doppio senso ;P), ha preso posto solo da pochi anni anche nel circuito dei musei e delle gallerie.

La questione è controversa da parte degli artisti, c’è chi ama la possibilità che il dipingere per strada offre, di regalare ad ognuno di noi, inaspettatamente, un po di arte; è spinto da motivazioni personali di critica o di riappropriazione dei luoghi pubblici; chi invece sceglie di creare opere all’interno dei musei, molto spesso site specific, dove l’arte può avere spazio, mentre ancora la street art viene ritenuta illegale.

Le fasi iniziali

La street art, o arte di strada, è in realtà un movimento che muove i primi passi solo attorno alla fine degli anni ’90 come un’evoluzione del graffitismo urbano.

È solo con gli anni 2000 che, in brevissimo tempo, questa forma artistica ha caratterizzato, e in qualche modo cambiato, l’apparenza delle nostre città.

Bansky, Maid in London, Londra, 2006
Bansky, Maid in London, Londra, 2006

Le tecniche sono le più disparate, dalla classica bomboletta spray, ai poster, e ancora stickers e stencils fino a vere e proprie installazioni o videoproiezioni.

Uno dei primi artisti a riscuotere un grande successo, e quindi a portare anche interesse verso il movimento stesso è Bansky, artista e writer inglese caratterizzato dall’acuta critica della società che

espone nei suoi lavori. Bansky è stato anche uno dei primi artisti ad esporre anche all’interno dei musei o delle gallerie, sdoganando così l’arte di strada dalla strada stessa e aprendo nuove possibilità al movimento.

In Italia

In Italia la street art ha raggiunto la scena internazionale già dai primi anni 2000; caratterizzata dalla presenza di tre “scuole” a Roma, Bologna e Milano.

Sten & Lex, Stencil Art
Sten & Lex, Stencil Art

Tra gli artisti più noti troviamo Sten & Lex, i quali, attivi dal 2001, a Roma hanno creato e diffuso la stencil art; mentre per quanto riguarda le scuole di Bologna e Milano, Bros, Ozmo ed Ericailcane ma anche Pao e Blu ne sono gli esponenti più conosciuti. Tutti artisti con caratteristiche e particolarità che hanno fatto in modo che la street art in pochi anni crescesse qualitativamente moltissimo.

Forse è stata la continua evoluzione di questo tipo di arte, così libera da regole e ribelle, a fare in modo che a poco a poco si sia cercato il compromesso con la legalità.

blu
Blu

Abbiamo assistito, negli anni, a molte iniziative dedicate alla street art in collaborazione con le varie municipalità, come la decorazione delle stazioni della metropolitana di Napoli , o la facciata del palazzo del quartiere Garbatella a Roma, raffigurante Francesco Totti e Anna Magnani come simboli della città e della romanità.

Alla diffusione della street art e all’ottenimento necessario dei permessi per lavorare nella legalità hanno contribuito moltissimo anche nuove generazioni di galleristi che hanno portato il dato urbano all’interno delle sale espositive di musei e gallerie, creando e cercando spazi che non sradichino necessariamente quest’arte dal suo territorio di appartenenza: la strada. Ad esempio l’Urban Arena del museo MACRO di Roma: una terrazza (e quindi esterna) dedicata a tre lavori di street art di Sten & Lex, Ozmo e Bros.

Un movimento articolato e particolare, che ci apre nuove prospettive per un arte pubblica.

Se ami la street art, prova a sperimentare la tecnica dello stencil con i tuoi bambini! Abbiamo preparato un laboratorio da scaricare gratuitamente per te!

 

 

 

Comments to: La Street Art nei musei d’arte contemporanea

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Ultimi articoli

    Cosa intendiamo comunemente per accessibilità museale? Quando un museo è veramente accessibile? Siamo soliti pensare all’accessibilità museale come superamento delle barriere architettoniche che permettono l’accesso fisico e senza ostacoli al museo. Certamente per accessibilità intendiamo un accesso e una visita agevole negli ambienti museali ( ascensori al posto di ostiche gradinate, vetrine alla giusta altezza, […]

    Ultimi commenti

    Tag Cloud