Negli ultimi anni l’attenzione nei confronti della natura è aumentata tantissimo: ci siamo resi finalmente conto che dobbiamo prenderci cura del nostro pianeta e, soprattutto, che è necessario educare i bambini ad avere rispetto delle risorse naturali. 

È per questo motivo che fin dalla scuola dell’infanzia e primaria è fondamentale trattare questi argomenti con i bambini: cosa possiamo fare per salvare il pianeta? Quali piccoli e grandi gesti quotidiani dobbiamo mettere in pratica?

L’aspetto più importante, tuttavia, non riguarda solo l’attuazione di strategie volte alla salvaguardia ambientale ma anche la conoscenza basilare di cos’è un “ecosistema” e degli elementi di cui è composto. “Conoscere per tutelare”, insomma, non è un motto che si applica solo alla storia dell’arte ma anche alla natura!

In questo articolo ti proponiamo un’attività per aiutare i bambini ad osservare la natura che li circonda e a prendere contatto con lei. Costruiamo insieme un erbario per bambini!

Cos’è e come si fa un erbario?

L’erbario è una raccolta di piante disseccate e compresse, fermate su fogli di carta. La raccolta di campioni di piante a scopi conservativi risulta particolarmente utile per classificare e saper riconoscere le piante, in particolare a partire dalle foglie.

Fino alla fine del XV secolo la parola “erbario” comprendeva non solo la raccolta di foglie o fiori classificati ma anche tutti quei testi che rappresentavano graficamente le piante. Isidoro di Siviglia già nel I secolo d.C. parlava di Botanicum Herbarium intendendo dire che esisteva un libro le cui le piante erano indicate con la loro immagine.

Lo  studio delle erbe e delle loro proprietà medicinali ha origini antichissime, ma l’erbario figurato sembra avere come padre Crateuas, medico di Mitridate IV Eupatore (120-63 d.C.) . Oggi quel testo è perduto ma le fonti storiche ci parlano di un libro in cui le piante venivano disegnate e nel quale venivano descritte le loro caratteristiche generali.

Nel Medioevo gli erbari erano scritti e disegnati da una moltitudine di studiosi, soprattutto monaci delle grandi abbazie: l’erbario era utilissimo perché aiutava a riconoscere le piante medicamentose da utilizzare nei preparati di fabbricazione artigianale! Molti di questi erbari avevano la rappresentazione della pianta per calco: le foglie venivano cosparse di nerofumo e veniva impressa l’impronta sul foglio, in negativo. Con la sostituzione dell’impressione con la pianta essiccata si passa alla categoria degli Exsiccata, invenzione di Luca Ghini, lettore dei semplici all’Università di Bologna e poi di Pisa.

L’erbario per bambini: tutte le fasi dell’attività!

Realizzare un erbario ha un’importante valenza didattica: non solo dal punto di vista scientifico e storico, ma soprattutto dal punto di vista applicativo perché consente l’apprendimento di alcune nozioni base della botanica, aiuta a ristabilire il contatto con la natura e la capacità di organizzare il materiale raccolto.

I materiali per costruire un'erbario con i bambini

I materiali per costruire un’erbario con i bambini

Per realizzare un erbario con i bambini possiamo adoperare materiali molto economici, per esempio i campioni di foglie e/o fiori, carta da pacchi marrone, fogli A4, penne, matite colorate, colla e scotch.

Ecco i passaggi dell’attività

1) Per realizzare un erbario si deve partire dalla raccolta dei campioni: scegliete un parco e portate i bambini a fare una passeggiata!

2) Piegate un foglio A4 a metà e inserite al suo interno la foglia raccolta: è importante che ogni foglia abbia la sua carta dove annoterete la data di raccolta, il luogo e il nome della pianta. Lasciate che i vostri campioni si secchino schiacciati da un tomo pesante per almeno 15 giorni.

erbario per bambini le fasi

Raccolta del materiale, essiccazione e preparazione dell’erbario

3) Utilizzate il tempo di essiccamento per effettuare le ricerche sulle piante che avete selezionato. Come si chiama la pianta? Di che specie è? Inserite anche una breve descrizione basata sull’osservazione della forma e dei colori della foglia oppure, se l’età dei bambini lo consente, cercate di stimolare descrizioni un po’ più accurate dal punto di vista scientifico.

erbario per bambini in classe

Scrittura di un breve testo descrittivo del campione

4) Siete pronti per comporre l’erbario: con la tecnica del frottage effettuate il calco in negativo del campione, sulla destra incollate invece il campione essiccato, scrivete il nome scientifico in alto e in fondo i risultati della ricerca.

erbario per bambini idee economiche

Realizza la copertina con materiali da riciclo

5) Potete racchiudere il vostro erbario in una copertina in formato A3 ricavato dalla carta da pacchi o altri materiali da riciclo: decoratela a piacere! Potete usare il frottage, i timbri vegetali oppure disegnare a mano libera.

 

Che ne dite? Il nostro erbario ha ormai circa tre anni ma ogni tanto lo sfogliamo ancora e lo mostriamo ai nostri #zebramici che intraprendono quest’attività con la loro classe! Potete sbizzarrirvi e decorare le pagine come preferite, potete adottare un approccio più o meno scientifico a seconda dell’età dei bambini e potete inserire approfondimenti multidisciplinari sul Medioevo e sulla vita dei monaci, sulla tecnica del frottage e sugli artisti che l’hanno utilizzata, potreste inserire l’attività nell’ambito di un approfondimento sulle stagioni e far leggere una poesia o un brano sullo stesso argomento… Insomma, le idee possono essere tantissime, fateci sapere com’è andata 🙂