Conoscete le ninfee di Monet? Vi proponiamo un’attività didattica per presentarle ai bambini e per realizzare con loro le ninfee con la carta, usando la tecnica degli origami!

Claude Monet: conosciamo prima di tutto l’artista!Monet pittore impressionista e le sue ninfee

L’attività che vi proponiamo oggi è adatta alle ultime classi della primaria ma può essere anche lo spunto per presentare in maniera alternativa l’artista impressionista Claude Monet alle scuole medie, unendo la conoscenza della sua pittura, dei temi e della tecnica, affiancando però un’attività pratica, con la realizzazione delle ninfee con la carta velina grazie alla tecnica degli origami!

Ma andiamo per gradi… Sarà bene spiegare o ricordare ( qualora lo abbiate già affrontato) i caratteri fondamentali dell’impressionismo e in particolare di Claude Monet, prima di passare all’osservazione diretta delle opere che trovate nel post con la scheda didattica proprio sulle Ninfee di Monet.

Le ninfee di Monet: osserviamo da vicino le opere!

Claude Monet, Ninfee bianche, 1899
Claude Monet, Ninfee bianche, 1899

Le ninfee iniziano a fare capolino nella produzione artistica di Monet nel 1890, dopo che , già da qualche anno si era trasferito a metà strada tra Parigi e Le Havre, a Giverny, dove si dedicò alla creazione di un grande giardino acquatico, deviando il corso naturale di un torrente e riuscendo a creare un vasto stagno. Proprio in quello specchio d’acqua iniziò a coltivare delle piante acquatiche, in particolare ninfee.Claude Monet, ninfee rosa, Roma

Da sempre Monet era attirato dagli effetti che la luce produceva sull’acqua e quel paesaggio acquatico divenne naturalmente la sua fonte di ispirazione per riuscire nell’impresa di rendere in pittura i riflessi che la luce produceva appunto sulle acque.

Nelle tante versioni di ninfee dipinte dall’artista, ad un’analisi cronologica, si nota come i particolari dell’ambiente naturale vadano via via a scomparire, fino a che le ninfee stesse, nella loro semplicità e bellezza, divengono i soggetti unici delle sue tele.

Il ciclo delle ninfee testimonia quanto in realtà gli impressionisti fossero poco interessati al soggetto ritratto nei loro quadri: l’importante era rendere la luce  e l’atmosfera attraverso le vibranti pennellate che rendevano l’immagine quasi dissolta nell’aria.

impressionismo di Monet, le ninfee

L’attività manuale: realizziamo le ninfee con la carta, ecco come fare!

Spiegare come fare un origami è la cosa più difficile del mondo 😉 e allora noi zebre vi veniamo incontro proponendovi la realizzazione delle ninfee di carta attraverso un video direttamente dal canale Origami Magnifici, che ringraziamo per aver reso più semplice la realizzazione!  Devo dire che provando io stessa a fare le ninfee con gli origami non l’ho trovato difficilissimo… Quindi ci riuscirete tranquillamente!

Vi do un’idea… Potete sbizzarrirvi con i colori della carta velina e creare tante ninfee colorate da proporre ai bambini e ai ragazzi…. Di certo non dimenticheranno tanto facilmente le ninfee di Monet 😀

Comments to: Le ninfee di Monet: analisi e realizzazione delle ninfee di carta!

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Ultimi articoli

    Un risorsa digitale in PDF con tanti approfondimenti per affrontare in modalità multidisciplinare uno dei temi più belli di sempre: l’amore! Percorsi digitali interdisciplinari: schede didattiche sull’amore in PDF L’amore tra arte, musica, inglese e letteratura italiana per i Percorsi digitali interdisciplinari Zebrart è progettato per offrire un percorso didattico trasversale che abbraccia diverse materie […]

    Ultimi commenti

    Tag Cloud