I colori fanno parte della nostra vita, nella natura e negli oggetti che produciamo. Ogni cosa ha un colore.

Quando usiamo il colore pero’ non sempre riusciamo ad ottenere il tono desiderato e questo spesso accade perché ogni tono cromatico nasce dalla mescolanza additiva di due o più colori.

I colori primari
I colori primari

Facendo qualche esperimento noteremo che ci sono tre colori imprescindibili che fungono da “base” per la creazione di tutti gli altri; questi sono i colori primari e sono: il ciano (blu), il rosso magenta e il giallo. 

Questi tre colori sono alla base di ogni kit da artista, infatti con i colori primari, il bianco e il nero (che sono non-colori e che hanno la funzione di creare le luci e le ombre) è possibile ottenere infinite sfumature.

La teoria del colore di Johannes Itten

 

Johannes Itten, Farbkreis, 1961
Johannes Itten, Farbkreis, 1961

Johannes Itten è stato un’artista e docente della scuola d’arti applicate del Bauhaus a partire dal 1919.

Sviluppò la teoria del colore creando un disco cromatico che, tuttora in uso, mostrava la composizione dei colori a partire dai triangoli centrali del disco, i colori primari appunto.

Itten approfondì la sua teoria evidenziando quali fossero i colori secondari, quelli terziari e i complementari. Osservò che erano presenti colori caldi e freddi e ne studiò l’armonia.

Stabilì inoltre un rapporto tra forma e colore per cui al rosso corrisponde la forma del quadrato,colore simbolico della materia; al blu corrisponde il cerchio, simbolo di costante movimento e di leggerezza; infine al giallo il triangolo, simbolo del pensiero.

Puoi provare anche tu a creare composizioni con le forme geometriche e i colori primari, ricerca l’armonia tra forma e colore, e realizza la tua opera!

Lo sapevi che… I colori primari nella storia dell’arte

Piet Mondrian, pittore olandese, negli anni anni ’20 arrivò alla completa sintesi delle forme. L’astrattismo era già arrivato e Mondrian arrivò alla sua definizione del mondo attraverso linee orizzontali e verticali, generalmente nere o grigie e di diverso spessore; ma soprattutto attraverso l’uso dei colori primari.

Nel 1965, le composizioni di Mondrian erano talmente apprezzate che lo stilista francese Yves Saint Laurent volle creare una collezione di abiti dedicata all’artista olandese. I vestiti indossati diventano delle tele in movimento, tridimensionali. Le geometrie vengono rafforzate, in questa serie di abiti, anche dall’utilizzo del vinile, trasformato in tessuto.

Sfoglia la galleria per osservare meglio le immagini!

Hai voglia di continuare a conoscere il mondo dei colori? Scopri la scheda didattica sui colori primari e secondari, scaricala (è gratis!) e sperimenta con noi!

Scheda didattica colori primari
Comments to: I colori primari

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Ultimi articoli

    Un risorsa digitale in PDF con tanti approfondimenti per affrontare in modalità multidisciplinare uno dei temi più belli di sempre: l’amore! Percorsi digitali interdisciplinari: schede didattiche sull’amore in PDF L’amore tra arte, musica, inglese e letteratura italiana per i Percorsi digitali interdisciplinari Zebrart è progettato per offrire un percorso didattico trasversale che abbraccia diverse materie […]

    Ultimi commenti

    Tag Cloud