E se vi dicessi Natale? Che cosa vi verrebbe in mente?… Luci, abete, neve e regali. Giusto! Ma nell’arte? Com’è stato rappresentato il Natale nella storia dell’arte?

Certamente l’immaginario del Natale nella storia dell’arte ci riporta a considerare l’aspetto religioso della tematica e dunque l’arte Sacra, con gli artisti che rappresentano il momento della Natività del Signore, di cui troviamo numerosissimi esempi e importanti capolavori nella storia del’arte italiana ed europea.

Partiamo allora alla scoperta delle Natività più famose ma riflettiamo anche sulla declinazione del Natale nella storia dell’arte per elaborare attività di approfondimento per bambini e ragazzi non solo per la valenza artistica ma anche per evidenziare i collegamenti multidisciplinari che emergono dalla riflessione sul Natale.

Alla scoperta delle natività nella storia dell’arte

prima natività  nella storia dell'arte

Natività, Catacombe di Priscilla, Roma, III sec

Per Natività nell’arte si intende una rappresentazione della Sacra Famiglia, Maria e Giuseppe con Gesù neonato in fasce, in una grotta o in una capanna, spesso raffigurati con il bue e l’asino, a volte con i pastori o con i Magi che in adorazione salutano la nascita del Messia.

La prima rappresentazione della Natività nella storia dell’arte si rintraccia nelle Catacombe di Priscilla a Roma ed è l’espressione del grande desiderio dei primi cristiani di raffigurare visivamente il momento decisivo per la storia della loro religione descritto dai Vangeli.

 

Maria tiene in braccio Gesù Bambino e più indietro c’è la figura maschile, Giuseppe dunque secondo molti studiosi, che sta indicando una stella, così com’è scritto nei testi sacri, la stella cometa che guiderà i Magi e i pastori verso la grotta.

Natività Giotto

Giotto, Natività di Gesù, Cappella degli Scrovegni, Padova, 1303-1305 ca

La pittura del Medioevo e del periodo rinascimentale ci offre però i più grandi esempi di opere d’arte raffiguranti la natività.

Conoscete la Natività di Giotto? Si tratta di un affresco del ciclo delle Storie di Gesù nella Cappella degli Scrovegni di Padova databile tra il 1303 e il 1305. La Natività è qui ambientata in un paesaggio roccioso: Maria e distesa dopo aver partorito Gesù e un’inserviente la sta aiutando a deporlo, in fasce, nella mangiatoria; Giuseppe è accovacciato, stanco e dormiente. Fanno capolino sulla destra il bue e l’asinello mentre sulla sinistra si svolge l’annuncio ai pastori.

Anche Botticelli dipinse nel 1501 una  Natività che oggi dagli storici dell’arte viene definita Natività Mistica per il complesso sistema di simbologie e rimandi con il quale è progettata l’opera d’arte. La capanna di legno sostituisce la tradizionale grotta rocciosa, troviamo tutti i simboli e i personaggi della natività compresi il bue e l’asinello, ma notiamo subito i registri inferiore e superiore che ospitano schiere di angeli…chi sono? E qual’è il loro significato?

Natale nella storia dell'arte, botticelli

Botticelli, Natività Mistica, 1501 (National Gallery, Londra)

Gli angeli della metà inferiore sono disposti in maniera ritmica, e tengono tra le mani un ramoscello di ulivo, simbolo di pace; gli angeli presenti invece nel registro superiore, anche loro con un ramoscello d’ulivo sembrano danzare sospesi e intonare un canto, quasi a formare una cupola sopra la Sacra Famiglia. Il motivo del coro angelico ebbe notevole fortuna e fu ripreso da molti altri artisti dopo Botticelli.

Progetto Natale a scuola

Per affrontare il periodo che ci separa dal Natale possiamo dunque pensare ad un progetto che conduca noi e i bambini\ragazzi, a casa ma anche a scuola, a scoprire le varie rappresentazioni della natività nella storia dell’arte, per imparare a leggere le opere, capire i significati simbolici e studiare l’evoluzione e i cambiamenti dei linguaggi pittorici attraverso una tematica comune.

Analizzare le Natività significa certamente parlare di Arte Sacra e quindi il collegamento più immediato è certamente quello con l’Insegnamento della Religione Cattolica. Ma non solo. il Natale in Arte e Immagine, sviluppato a partire dallo studio e dal confronto delle opere d’arte appartenenti a diverse epoche ci dà la possibilità di imparare la storia e conoscere i territori rappresentati, oltre che conoscere gli artisti e le tecniche usate. Insomma il Natale attraverso le opere d’arte è uno spunto per lavorare ad un progetto multidisciplinare molto stimolante.

Vuoi sviluppare anche tu questo progetto didattico insieme a noi?

Seguici e presto scoprirai tutti i dettagli, le schede di progetto, le attività da realizzare e le analisi delle opere d’arte, preparati per te, da scaricare in un clik!