Sei in cerca di una lezione sugli animali per la scuola primaria? Scopri cosa sono i Bestiari medievali e in che modo possiamo possiamo parlarne ai bambini della scuola primaria!

L’osservazione della natura e del paesaggio è da sempre un’attitudine dell’uomo. Pensa, ad esempio, alle atmosfere misteriose di Giorgione, all’immediatezza del paesaggio impressionista, a Van Gogh e alle sue notti stellate o ai paesaggi di Leonardol’uomo ha un vero e proprio amore per la natura e la sua rappresentazione!

Per aiutarti a preparare una lezione originale e divertente sugli animali oggi ti proponiamo un approfondimento sul Medioevo e su dei libri molto particolari che piaceranno di certo ai bambini: i bestiari!

Bestiari medievali, animali come non li avete mai visti!

bestiari medievali spiegati ai bambini attività

Opera dal titolo “Fisiologo”, scena rappresentante il Leone, II-IV sec. dC, autore ignoto.

Anche nel Medioevo gli uomini osservavano il paesaggio, la natura e gli animali ma rispetto ad epoche più recenti c’è una grande differenza! Nel medioevo, infatti, ammirare la natura e le sue manifestazioni significava ammirare l’opera di Dio perché tutto, sulla terra, era considerata manifestazione tangibile della Sua opera e della Sua potenza.

Ogni elemento naturale, quindi, è una “teofania”, ovvero manifestazione di Dio, anche se per gli esseri umani –mortali, imperfetti e finiti- non è possibile comprendere a pieno il significato dell’opera divina. Il rapporto dell’uomo medievale con la natura, quindi, è molto diverso dal nostro: a quel tempo, infatti, vi era la tendenza ad attribuire ad ogni elemento, ogni fenomeno e ogni creatura come un significato simbolico, un po’ come se Dio avesse voluto comunicare all’uomo un messaggio nascondendolo nelle pieghe della realtà.

lezione animali scuola primaria bestiari

Fenice che risorge dalle proprie ceneri, Bestiario di Aberdeen, folio 55 (verso), XII sec. La fenice era utilizzata come allegoria della resurrezione di Cristo.

Il mondo naturale, il cielo, i fenomeni atmosferici e gli animali comunicavano un messaggio relativo alla morale cristiana e avevano funzione didascalica perché erano in grado di indicare all’uomo i giusti comportamenti da seguire e le cattive abitudini da abbandonare.

Di animali si parla soprattutto in riferimento ai bestiari, ovvero delle opere in cui venivano descritti animali realmente esistenti e fantastici. Ogni animale aveva delle caratteristiche particolari (vizi o virtù) e da essi l’uomo doveva trarre insegnamenti morali. Nei bestiari troviamo nella stessa pagina conoscenze scientifiche, citazioni dalle Sacre Scritture, convinzioni popolari e dicerie. D’altra parte, il motivo di questo guazzabuglio è facilmente spiegabile: l’uomo osservava la natura e gli animali in quanto specchio di una realtà superiore, infinitamente più importante e conoscere nel dettaglio il funzionamento scientifico dei fenomeni naturali o il comportamento degli animali non rientrava tra gli interessi degli studiosi dell’epoca.Ci sono tantissimi bestiari molto famosi, ciò che li accomuna, tuttavia, è il ricorso ad una visione del mondo divisa tra bene e male, Dio e il diavolo.

Spunti e idee per una lezione sugli animali per la scuola primaria!

Ci sono animali che simboleggiano virtù e che, in certi casi, possono essere interpretati come metafore di Cristo, ad esempio il pavone, l’aquila, il leone. L’elefante, per esempio, simboleggiava la temperanza.

Ci sono animali, invece, che vengono considerati allegorie di vizi da combattere: la balena, la volpe, la iena, il serpente.

manoscritti miniati spiegati ai bambini scuola primaria

La volpe (a sinistra) contro il lupo in un manoscritto francese del 1290/1300.

Tra gli animali fantastici ne troviamo alcuni con significati positivi e altri con significati negativi: il drago, per esempio, è manifestazione del male mentre la fenice allude alla Resurrezione di Cristo. Tra gli animali fantastici annoveriamo anche la scitale, un serpente fantastico e descritto nei bestiari come molto bello e luccicante, tanto da ammaliare i malcapitati e avere tutto il tempo di aggredirli!

animali fantastici per bambini attività scuola primaria

Scitale, serpente mitologico.

Poi ci sono creature fantastiche molto particolari, oseremmo definirle sospese tra il mondo animale e quello umano: i centauri e le sirene, ad esempio, nel primo caso metà uomo e metà cavallo, nel secondo metà donna e metà…  Uccello!

Esatto, avete capito bene! Quando pensiamo alle sirene ci viene subito in mente il famosissimo cartone animato della Disney in cui Ariel e i suoi amici vivevano straordinarie avventure in fondo al mare. Ebbene, nel Medioevo le sirene erano considerate creature malvagie, con fattezze di donna nella parte superiore del corpo e di oca in quella inferiore, avevano il potere di ammaliare i naviganti e convincerli a buttarsi in acqua, andando incontro a morte certa.

Anche nel mondo antico le sirene avevano questo aspetto, ricordate il celebre passo dell’Odissea in cui Ulisse si fa legare ad un albero della nave e tappa le orecchie dei suoi uomini con della cera? Be’, era tutta colpa delle Sirene! :)

ulisse sirene animali fantastici

Sull’Odissea sono stati girati tantissimi film. La foto qui riportata è un fotogramma di uno sceneggiato televisivo andato in onda sulla RAI nel 1968. In questa scena Ulisse si fa legare all’albero della nave da Euriloco.

In linea di massima queste strane creature, come ad esempio le sirene e i centauri, servivano da monito e da avvertimento ai cosiddetti “indecisi”, non avendo del tutto perso la propria umanità, infatti, rendevano evidente agli uomini i pericoli del male e della condotta malvagia!

Attività didattiche e lezioni multidisciplinari sugli animali per scuola primaria

Parlare dei bestiari ai bambini può rivelarsi molto utile: possiamo usarli per introdurre la differenza tra verità scientifica e credenza popolare, accennando al metodo scientifico e alla sua importanza; possiamo parlare di arte, con approfondimenti sull‘architettura gotica e romanica, mostrando loro qualche esempio sul territorio; possiamo prendere questo tema come spunto per attività molto divertenti durante le quali disegnare animali fantastici attribuendo loro caratteristiche mai viste!

.