Vi siete mai chiesti che cos’è il colore? Oggi ne parliamo partendo dallo spettro individuato da Newton fino ad arrivare a tante esperienze che si possono fare con arte e immagine per bambini e ragazzi!

Attività didattiche colori: la luce e l’arcobaleno

Già altri scienziati avevano condotto gli esperimenti sulla luce per la generazione dei colori servendosi di un prisma per filtrare la luce ma solo Isaac Newton, sfruttando l’ampiezza del suo studio e applicando il rigoroso metodo scientifico, riesce a filtrare un raggio di luce e a restituire un chiaro spettro dei colori che racchiude in un cerchio.i sette colori dell'arcobaleno di Newton

Anche le particelle di acqua sospese sfruttano lo stesso principio e colpite dai raggi solari ci restituiscono l’immagine dell’arcobaleno! Ci soffermeremo sugli esperimenti dedicati ai colori ma è sempre bello creare lezioni interdisciplinari per questo ti suggeriamo di leggere questo post per leggere tante curiosità scientifiche sull’arcobaleno!

E insomma visto che la luce bianca è la somma dello spettro vi invitiamo a far sperimentare questo ai bambini: basterà un cartoncino ritagliato a forma di cerchio e diviso in tanti spicchietti sottili. Si devono colorare in questo ordine:rosso, arancione, giallo, verde, azzurro e viola. Bucate il cerchio al centro e passateci attraverso una punta di matita o uno stuzzicadenti, fate ruotare velocemente: che colore si percepisce?

Ad adattare il cerchio cromatico alle esigenze dei pittori sarà invece Goethe che ci restituisce tre coppie di colori opposti, molto utili agli accostamenti cromatici nelle opere!cerchio-cromatico-di-goethe

Altre esperienze di cerchi o sfere cromatiche le hanno portate a termine Chevreul o Runge che prevedeva la sfera con il bianco e nero ai poli, e infine Itten, docente alla Bauhaus che aveva previsto un triangolo centrale con i colori primari, dai quali si forma un esagono con i colori secondari e infine la corona circolare con i sei colori terziari.

Johannes Itten, Farbkreis, 1961

Johannes Itten, Farbkreis, 1961

Attività didattiche sul colore: parola d’ordine sperimentare!

Quante idee ci dà il colore! Questa tipologia di laboratori va senza dubbio proposta in primo luogo alla scuola primaria: l’approccio scientifico del colore, gli esperimenti con la luce  e lo spettro sono certamente attività che riempiono di meraviglia gli alunni e che li preparano ad una conoscenza approfondita sul colore poi alle scuole medie, dove il percorso potrebbe continuare attraverso la ricerca che gli scienziati e agli artisti hanno condotto sul colore e perché no, provare a replicare con le attività didattiche incentrate sugli esperimenti sulla percezione del colore!