Stai cercando un’idea per approfondire il rapporto tra arte e moda? In quest’articolo ti suggeriamo qualche spunto per un tema operativo da sviluppare in classe!

Arte e moda: un amore senza fine

Le ragioni per cui l’uomo comincia a coprirsi risalgono alla Preistoria, quando l’Homo erectus raggiunse l’Asia e l’Europa dopo un lungo viaggio dall’Africa. Le temperature più rigide resero impellenete l’esigenza di coprirsi con le pelli e le pellicce degli animali cacciati. Circa 40.000 anni fa l’uomo ha imparato a conciare le pelli, a tagliarle e a cucirle per realizzare abiti e giacche, a volte anche con vere e proprie asole e bottoni!

L’uomo, tuttavia, non utilizza gli abiti solo per proteggersi dal freddo, già nel Paleolitico aveva una vita spirituale molto intensa e praticava la magia: probabilmente alcune parti degli animali uccisi (come la testa, ad esempio) venivano indossate dagli stregoni per indicare la propria posizione di prestigio, una posizione che potremmo definire al limite tra il mondo terreno e quello soprannaturale. Intorno all’ 8.000 a.C., nelle prime società di agricoltori, le funzioni dell’abbigliamento risultano già ben definite: protezione contro le intemperie, rappresentazione del proprio status sociale, rappresentazione dell’appartenenza ad un gruppo o clan, strumento per attirare l’attenzione di potenziali compagni, protezione contro le aggressioni fisiche (nel caso di vesti militari, ad esempio, realizzate in materiali molto resistenti).

arte e moda futurismo

Vestiti Futuristi. credit: artwave.com

Temi operativi su arte e moda: l’età moderna e il Futurismo

Per quasi tutta la storia dell’umanità, seguire la moda è stato un privilegio di pochi, della classe dirigente, dei nobili e di chi disponeva di buoni mezzi economici. L’abito è stato considerato un elemento di prestigio per molti secoli, qualcosa in grado di distinguere i detentori del potere dalla massa del popolo che usava vesti di modesta qualità, prive di qualsivoglia raffinatezza.

La storia della moda può essere ripercorsa anche grazie ad alcuni grandi artisti che hanno immortalato la vita di corte.

diego velazquez las meninas dipinto

D. Velàzquez, Las Meninas, 1656. Olio su tela, Museo del Prado, Madrid.

I futuristi, in età contemporanea, avevano capito che l’arte doveva coinvolgere tutte le forme dell’attività umana. Per questo motivo hanno disegnato vestiti con grande passione, la stessa con la quale dipingevano o scolpivano un’opera! Allora furono ritenuti eccentrici ma oggi… Forse con qualche piccolo aggiustamento potremmo anche utilizzarli, che ne dite? :)

arte e moda futurismo

G. Balla, vestiti maschili. credit: alessiamuliere.wordpress.com

Verso la fine del Novecento la moda si è imposta come uno dei settori industriali più floridi del mondo e ha come scopo quello di interpretare un crescente desiderio di comunicare qualcosa di sé e della propria personalità. La moda cambia con grande velocità e spesso viene utilizzata dai più giovani per comunicare l’appartenenza a un gruppo o l’adesione a determinati valori.

Gli stilisti oggi sono celebrati al pari degli artisti, le sfilate richiamano spettatori da ogni parte del mondo e spesso entrano nei musei.